Tarantula Rubra - home

 

Chi  Tarantula Rubra Tarantula Rubra chi ?

Musica Musica e interviste

Transe Transe

Tarantismo e NeoTarantismo Tarantismo e NeoTarantismo

Segui Tarantula Rubra nelle sue tappe Segui Tarantula Rubra

Rassegna Stampa Rassegna Stampa

Galleria Fotografica Galleria Fotografica

Link e Libri consigliati da Tarantula Rubra In Rete

La tela infinita

“Un ambito molto frequentato nell’ultimo decennio della letteratura sul tarantismo concerne la riflessione identitaria, ossia come determinate memorie del rituale entrino in gioco nelle nuove elaborazioni culturali del Salento. È un filone stimolante, tanto più quando va ad esplorare le meccaniche interne al gioco identitario e i suoi modelli comunicativi: tarantismo e pizzica sono oggi anche e soprattutto luoghi di commerci simbolici e reali, di scontri tra accademici e studiosi locali, cassa di risonanza per il rilancio turistico, evento editoriale e discografico, e così via. Il cosiddetto contesto culturale, dunque, reale protagonista di una complessa realtà geografica (si parla di una post-modernità della tradizione), non solo il mero contenitore di una vicenda. Non è questa la sede per valutare a pieno i percorsi della riflessione socio- antropologica sulle culture meridiane, tema più ampio che incrocia solo in parte la discussione sul tarantismo, tuttavia si può osservare come di qui procedano sensibilità opposte. Da un lato, come emerge dagli interventi più lucidi, si attraversano dette politiche reinventive con la consapevolezza e la tensione rispetto a un dialogo extra-regionale, proteso verso le vaste sponde mediterranee. Dal lato opposto la tendenza a essenzializzare il tema, a renderlo un unicum locale comprensibile – implicito corollario - ai soli attori territoriali: è l’aggettivo pugliese o salentino che va automaticamente ad affiancarsi al sostantivo tarantismo. […]

[…] L’ultimo decennio è stato periodo di grande effervescenza, di iniziative editoriali, di ritorno – anche gioioso, dinamico – all’orizzonte del ragno e dei suoi simboli. La vasta eco di iniziative spettacolari che attraversano queste figure, l’infittirsi di contatti e momenti di incontro, lo scambio fra ricercatori italiani e stranieri, l’intreccio con le culture delle posse, i siti Internet che inseriscono l’appuntamento di Galatina nel calendario delle proposte turistiche, quando pochi anni addietro vigeva la stigma della vergogna e dell’indifferenza: questi e altri indizi sono, ripetiamo, espressioni culturali che, gioco forza, entrano nella storia del fenomeno. Spetterà dunque ai protagonisti, a chi fa questa storia e a chi la osserva, dotare il proprio lavoro di tutti gli strumenti critici capaci di alzare la soglia della consapevolezza e della riflessività.
[…] Le case editrici e le riviste maggiormente coinvolte in questa rinascita sono - è naturale – quelle salentine: numerosissime, con una produzione incessante, sovente legate a iniziative o istituzioni sul territorio ( manifestazioni mostre, università). Produzione fin troppo variegata, al di là del singolo valore: solo in alcuni casi è riconoscibile una strategia di fondo, un disegno editoriale del catalogo. L’impressione è quella di un accumulo di materiali, non sempre inediti e di dubbio valore per la discussione generale, legittimati dalle insegne benevole della tarantola […]

GABRIELE MINA

------------------------ ------------------------

Questi brani sono tratti dal libro
La tela infinita – Bibliografia degli studi sul tarantismo mediterraneo 1945 - 2006
di Gabriele Mina e Sergio Torsello, BESA, 2006

Se vuoi leggere altri testi, torna... in transe!

.

Scrivi a Tarantula Rubra: info@tarantularubra.it