Tarantula Rubra - home

 

Chi  Tarantula Rubra Tarantula Rubra chi ?

Musica Musica e interviste

Transe Transe

Tarantismo e NeoTarantismo Tarantismo e NeoTarantismo

Segui Tarantula Rubra nelle sue tappe Segui Tarantula Rubra

Rassegna Stampa Rassegna Stampa

Galleria Fotografica Galleria Fotografica

Link e Libri consigliati da Tarantula Rubra In Rete

Tradizioni popolari di Napoli

“[…] Per femminiello a Napoli si intende ciò che con parola inglese moderna definiamo transgender, cioè una persona che vive un'identità di genere opposta a quella del proprio sesso biologico ma senza sentire il bisogno di cambiare il proprio corpo, esprimendo quasi solo nei comportamenti e nelle sue relazioni personali il sentirsi donna. Quello che con grande efficacia definiva Pino Daniele in una sua nota canzone: "Chillo è nu buono guaglione / E vo' essere 'na signora / Chillo è nu buono guaglione / Crede ancora all'amore". Anche se, tecnicamente, Pino si riferica al "ricchione", termine di origine meridionale indicante l'omosessuale, legato forse nella sua origine a hirculone, riferito a hircus, caprone, quindi con connotazione negativa per indicare una sfrenata sessualità che dovrebbe quindi (non si sa come e perchè) trasformarsi in omosessualità.[...]”

“[...] I femminielli hanno perso terreno nella cultura napoletana. Circondati e confusi con trans, drag-queen, e viados brasiliani, con un' "economia del vicolo" oramai scomparsa in favore di un'altra inserita in un contesto globale, priva di salvaguardie provenienti dalla collaborazione di vicinato (di cui la tombola rimane una delle ultime vestigia), le loro figure sono in rapido cambiamento. Le nujove forme e i nuovi concetti di sessualità, grazie anche alla chirurgia plastica, offorno modelli nei quali incastonare la loro diversità. [...] D'altro canto, i femminielli non "tirano" più i numeri solo nella case: ristoranti, locali, tellevisioni private e anche teatri nel periodo natalizio organizzano tombole vajasse come forme di spettacolo rivolte anche a turisti non napoletani. A fare da richiamo soprattutto è la trasgressività insita nella figura del femminiello che tira i numeri, una trasgressività che sta prendendo piede anche in altri luoghi turistici della città, quasi come tratto identitario. [...]”

 

Questi brani sono tratti dal libro
Tradizioni popolari di Napoli
Claudio Corvino, NEWTON & COMPTON, 2017

------------------------ ------------------------

Per saperne di più: Transe

 

Se vuoi leggere altri testi, torna... in transe!

.

Scrivi a Tarantula Rubra: info@tarantularubra.it